Kit ELISA: un test sierologico semplice, rapido e sicuro per controllare la risposta immunitaria al virus in seguito a vaccino o malattia.

L’esposizione al virus Sars-Cov-2, così come i vaccini, inducono il nostro organismo ad attivare un meccanismo di protezione caratterizzato dalla produzione di anticorpi specifici capaci di bloccare l’entrata del virus nelle nostre cellule. Questi anticorpi detti neutralizzanti (NAb – Neutralization Antibody Test) interferiscono con l’interazione tra il dominio RBD della proteina virale Spike con il recettore cellulare di superficie ACE2 ed è proprio questa interazione ad essere sfruttata nei test ELISA per una rilevazione di NAb, nel siero di soggetti malati o sottoposti a vaccinazione, del tutto rapida e sicura.

Anticorpi neutralizzanti verso la proteina spike di Sars-Cov-2

La proteina Spike di SARS-CoV-2 è il principale meccanismo che il virus utilizza per infettare le cellule ospiti, questa proteina è formata da due subunità: S1 e S2. La subunità S1 contiene il dominio chiamato RBD (dall’inglese receptor-binding domain, “dominio che lega il recettore”), attraverso il quale il virus è in grado di riconoscere e legare il recettore ACE2, che è la porta di ingresso del virus nelle cellule del nostro organismo.

Anticorpi neutralizzanti verso la proteina spike di sars cov2.

La maggior parte dei test per gli anticorpi COVID-19 sul mercato valuta la capacità di un paziente di generare anticorpi che si legano al virus, come IgG, IgM o anticorpi totali, ma non dicono se tali anticorpi possono neutralizzare il virus e interrompere il suo ciclo vitale. Per valutare l’immunità acquisita è fondamentale determinare l’espressione degli anticorpi neutralizzanti.

Scopri di più »

VEDI ANCHE: NAB Neutralization Antibody Test sono strumenti importanti a disposizione dei clinici e dei ricercatori coinvolti nella lotta al COVID-19.

Test sierologici qualitativi e semi qualitativi per la ricerca degli anticorpi e IgG neutralizzanti (NAb) degli antigeni S1 / S2 della proteina spike SARS-CoV-2

Scopri di più »

Il gold standard test per rilevare la presenza di anticorpi neutralizzanti è il test di neutralizzazione del virus (VNT). I VNT convenzionali però utilizzano virus e cellule vivi, necessitano di strutture di contenimento della biosicurezza, di operatori altamente qualificati, sono meno sensibili e richiedono dai 2 ai 4 giorni per ottenere dei risultati. Il test di neutralizzazione del virus basato su pseudovirus (pVNT) è simile, ma richiede comunque l’uso di virus e cellule vivi sebbene gestito in un laboratorio BSL2.

I saggi sierologici basati su tecnica ELISA, invece, sono test di neutralizzazione del virus surrogato (sVNT) che rilevano NAb, ma senza la necessità di utilizzare virus o cellule vivi e possono essere completati in 1-2 ore in un laboratorio BSL2.

NAB

Utilizzando il dominio di legame del recettore (RBD) purificato dalla proteina virale spike (S) e il recettore della cellula ospite ACE2, il test è progettato per imitare l’interazione virus-ospite mediante l’interazione diretta proteina-proteina in un pozzetto della piastra ELISA.

I kit ELISA per la rilevazione di anticorpi neutralizzanti sono quindi un metodo di valutazione dell’immunità acquisita al virus veloce, facile da eseguire, sicuro e con valori di sensibilità e di specificità molto alti.